www.lecinqueisole.it - Deportazioni alle Tremiti
La storia delle Tremiti, raccontata nei testi del prof. Pio Fumo News dalle isole Tremiti. Come arrivare - orari traghetti, porti d'imbarco. Da non perdere - visita su San Nicola, giri dell'isola, noleggio gommoni, acqua taxi per le cale più belle. Informazioni su hotel, alberghi, camere e bed & breakfast alle isole Tremiti. Ristoranti, pizzerie, cucina tipica. Informazioni, link e numeri utili. home
Storia - Opera di Nicola Di Pardo
Regolamentazione della riserva marina delle Tremiti Archivio del foglio informativo "Notizie dall'Arcipelago". Mappa delle Isole Tremiti Previsioni meteo della settimana Musica, pittura, arte in genere, alle Isole Tremiti Galleria fotografica tremitese, inviaci le tue foto e verranno pubblicate.
   
  Storia
  Le varie deportazioni
 

Dopo il periodo della colonizzazione greca, le isole Tremiti rimasero avvolte nel torpore del tempo e di certo divennero basi di pirati che si servivano delle sue cale e delle sue grotte per assalire i naviganti di transito. Con le conquiste romane del 295 A.C., dopo le battaglia di Sentino e lo sfaldamento della coalizione italica, capeggiate dai Sanniti, che, fin dal 343 A.C., si opponevano alla penetrazione romana verso il sud, le isole Diomedee restarono durante il regno del Re Ballaios 167-135 A.C. sotto l’influenza dei popoli Illirici e fuori dell’influenza politica romana. Solo dopo il 135 A.C. i Romani, dopo il vittorioso epilogo contro i Punici (146 A.C. distruzione di Cartagine) si decisero a definire i loro rapporti con le popolazioni Illiriche ed occupate le isole, dettero, a mio avviso, il nome nuovo di Trametis-Tremiti (Tramite per l’Illiria). Queste isole che dettero inizio a quel ponte naturale per l’Illiria, sfruttato fin dal 1500 A.C. dai popoli Illirici e dalle tribù dei Luki (Lucani), ritornarono ad essere un ponte naturale in Adriatico, prima per la penetrazione commerciale, poi per le conquiste romane nelle valli danubiane. Così il fantasioso Mito grego si colora di lutti e di cattiverie con la romanità e le isole Tremiti iniziano l’espletamento di una ben triste funzione, divengono, durante l’Impero Romano, terra di deportazioni. Ottaviano Augusto dopo la battaglia di Anzio (31 A.C.) ebbe molti incarichi militari e nella magistratura (Tribunicia Potestas). Durante il primo consolato per la madre Azia, poi la sorella Ottavia e riconciliatosi con Marco Antonio, sposò la figliastra Claudia dalla quale divorziò quasi subito e sposò Seribonia dalla quale ebbe nel 39 A.C. l’unica figlia Giulia Maggiore. Divorziò anche da Seribonia “disgustato, come Svetonio scrive, dalla perversità dei suoi costumi”. Sposò in terze nozze Livia Drusilla, togliendola al marito Tiberio Nerone, già madre di Tiberio, secondo imperatore e mentre era incinta di Druso. Diede, poi, in moglie la figlia Giulia Maggiore al nipote Marcello ed alla sua morte la fece sposare a Marco Vipsano Agrippa suo amico personale e Generale delle sue legioni. nel 12 A.C. alla morte di Agrippa scelse il figliastro Tiberio, dopo averla promessa a vari altri personaggi. Dal matrimonio di Giulia Maggiore ed Agrippa nacquero cinque nipoti Gaio, Lucio, Giulia Minore, Agrippina ed infine Agrippa Postumo. Livia Drusilla fu certamente fra i consiglieri e gli ispiratori della restaurazione e delle leggi a cautela della famiglia promulgate da augusto nel 18 A.C.: “la lex de maritandis ordinibus”. Questa legge mirava a combattere il celibato e la sterilità. Altra legge fu la “lex de adulteris” che puniva con l’esilio a vita la sposa infedele ed il suo amante ed obbligava il marito o il padre alla denuncia dell’adultera. Lo stesso Augusto non poteva immaginare che le cose precipitassero in casa sua. Giulia Maggiore stava esagerando ed allora lo stesso Augusto fornì in Senato la documentazione delle sregolatezze e l’elenco degli amanti della figlia. Tra di essi cinque erano nobili Iullo Antonio, figlio di Marco Antonio, Quinto Crispino un falso moralista, il colto ed eloquente Sempronio Greco, Claudio Pulcro figlio di un console ed un Cornelio della famiglia degli Scipioni. Il primo fu giustiziato e gli altri esiliati. Si tratto di un processo “maiestatis” cioè di lesa maestà come lascia supporre lo storico Tacito. Giulia fu relegata sull’isola di Pandataria attuale Ventotene nel 9 D.C. e traferita l’anno dopo a Reghion Reggio Calabria dove nel 14 D.C. moriva. Per Giulia Vipsania Minore nata nel 19 A.c., le cose non andarono molto diversamente. Sposata nel 4 A.C. con Lucio Emilio Paolo figlio del censore Paolo emilio Lepido, autore di una congiura contro augusto, ebbe una figlia Emilia Ledida. Anche Giulia Minore, avendo commesso adulterio con Decimo Giunio Silano e poi con Gaio Giunio Silano console nel 10, fu esiliata alle Isole Tremiti nell’8 D.C.. Nello scandalo furono coinvolti altri personaggi tra cui il poeta sulmonese Publio Ovidio Nasone, autore dell’Ars Amandi, delle Metamorfosi e dei Fasti, costui fu bandito, senza ritorno, a Tomi sul Mar Nero. Giulia Minore rimase fino al 28 D.C. alle Tremiti dove morì. Decimo Giunio Silano non fu esiliato , nè condannato con un editto del senato, venne invece privato dell’amicizia di Augusto. Il marito di Giulia Minore, Emilio Paolo Lepido, fu dichiarato connivente della moglie e condannato a morte. Augusto vietò che fosse riconosciuto ed allevato un figlio nato alle Tremiti dopo l’esilio della nipote, ma di questo nato non vi è alcuna notizia tra gli storici imperiali; Augusto non fece trapelare neppure il nome del giovane nato. Solo Giulia Maggiore fu riportata contro il volere espresso dallo stesso Augusto nel mausoleo a Roma. Giulia Minore fu inumata con la sua urna cineraria nella tomba scavata nella necropoli greca per il suo alto rango e sepolta nel suo arcosolio alle Tremiti sul tavolato dell’isola di San Nicola ancor’oggi decifrabile, di poco a lato della tomba dell’eroe greco Diomede.

   
   
  Torna alla home
   
   
 
 
Nel lontano....
 
Testi del prof. Pio Fumo
tutti gli articoli pubblicati su "NOTIZIE DALL'ARCIPELAGO" ordinati per sezione e data di pubblicazione.Buona lettura!
 
Cenni sulla litologia e la geologia delle isole Tremiti
N°1 08/07/06
 

La preistoria delle isole Tremiti

N°2 15/07/06
 
I ritrovamenti di ossidiane alle isole Tremiti
N°3 22/07/06
 
Il villaggio di capanne preistoriche delle Tremiti
N°4 25/07/06
 
I ritrovamenti protostorici e storici alle isole Tremiti
N°5 05/08/06
 
Il mito di Diomede
N°6 09/09/06
 
Le varie deportazioni
N°7 28/02/07
 

Torna alla home-page

 
Associazione le cinque isole ---- Pubblicità ---- Archivio giornale ---- contattaci
 
www.lecinqueisole.it è il sito dell'associazione culturale "Le cinque isole"
 

Tutte i disegni sono dell'artista Nicola Di Pardo

© 2007 www.lecinqueisole.it - tutti i diritti sono riservati